Un altro passo avanti

Posted by Admin in Cultura - (Commenti disabilitati)

10.06.2009

L’incontro dell’altra sera tra il Consiglio direttivo del PLR e una delegazione del gruppo Idealiberale è stato, tutto sommato, proficuo. Abbiamo fatto un ulteriore passo avanti. Dopo il chiarimento, da parte del sindaco Giorgio Giudici (portavoce del gruppo) dei reali intendimenti di questa iniziativa lanciata da alcuni esponenti profilati dell’ala liberale, abbiamo concordato di riattivare la commissione paritetica consultiva che già nel 2002 avevo promosso per affrontare temi delicati, in relazione ai quali è utile ascoltare chi desidera esprimersi per dare voce agli ambienti che ritiene di rappresentare. Quella commissione non era più stata convocata dopo le elezioni del 2003. Si tratta di una commissione senza potere decisionale (ai sensi degli arti 56 e 58 dello Statuto del PLR), nella quale però possono confrontarsi liberamente le opinioni anche più profilate prima che l’Ufficio presidenziale ed il Comitato cantonale si pronuncino su questioni politiche importanti che caratterizzano l’indirizzo del partito. Il senso di questo coinvolgimento ex ante delle diverse sensibilità interne è quello di conferire maggiore rappresentatività alle proposte sulle quali gli organi del partito sono chiamati a determinarsi. Naturalmente poi le decisioni di questi organi devono essere accettate democraticamente e rispettate anche verso l’esterno. Ma è più facile farlo se prima delle decisioni che contano vi è stata un’ampia consultazione. Secondariamente si è condivisa la necessità di una più stretta collaborazione (rispetto a quanto avviene oggi) tra Opinione Liberale e gli esponenti di Idealiberale, in particolare in merito a quegli obbiettivi politici del loro manifesto, sui quali non è solo possibile ma anche auspicabile una collaborazione con il partito e segnatamente con la deputazione del Gran Consiglio, compatibilmente ai programmi adottati dal Congresso del partito.

Il Consiglio direttivo ha invece ribadito la sua contrarietà alla richiesta di istituzionalizzazione della “corrente liberale” (che automaticamente comporterebbe anche quella della corrente radicale) in quanto manifestamente contraria alla lettera e allo spirito dello Statuto (cfr. art. 12). Una simile operazione contribuirebbe unicamente ad accrescere le divisioni interne e le incomprensioni, proprio quando invece deve essere rilanciata la capacità del partito di presentarsi in modo più compatto alla popolazione che si attende dalla forza di maggioranza relativa determinazione e propositività nel promuovere soluzioni ai suoi problemi quotidiani, soprattutto in una fase di recessione economica come l’attuale.

All’ufficio presidenziale e al Comitato cantonale che si riuniranno il prossimo 18 giugno chiederò di ratificare questa impostazione dei rapporti tra il partito e il gruppo Idealiberale.

Giovanni Merlini

Intervento al Comitato cantonale del PLR

Posted by Admin in Cultura - (Commenti disabilitati)

10.12.2009

Il rifiuto,  tutto sommato di misura, della riforma della Legge tributaria, sottoposta al popolo ticinese nel penultimo fine settimana, che prevedeva una modesta riduzione dell’aliquota dell’imposta sull’utile delle persone giuridiche dal 9% all’8,5% non può congelare sine die il dibattito sulla fiscalità non solo delle società, ma anche delle persone fisiche nel nostro Cantone. Se il nostro partito ha sostenuto quella proposta di riduzione dell’aliquota non è solo perché la riteneva opportuna per favorire il reinvestimento degli utili nelle aziende e nell’innovazione, ma anche perché eravamo e siamo convinti che la fiscalità delle aziende in Ticino deve diventare gradualmente più competitiva nel quadro della concorrenza intercantonale. Ma anche altre questioni centrali rimangono aperte e irrisolte sul fronte fiscale e temevamo che un rifiuto popolare avrebbe potuto paralizzare riforme necessarie di più ampia portata che non possiamo permetterci di bloccare. Proprio per questa ragione era lecito attendersi un po’ più di convinzione e attivismo anche da parte degli ambienti economici a favore della proposta in votazione.

La crisi che permane a livello occupazionale e che peggiorerà nel 2010, ed in particolare le difficoltà economiche con cui sono confrontate molte famiglie ticinesi nonostante qualche timido accenno di ripresa del PIL annunciato dagli analisti, ci hanno indotto a proporre in seno alla Commissione della gestione un controprogetto con un costo sopportabile all’iniziativa parlamentare socialista tendente ad aumentare i sussidi di cassa malati per il 2010 ed il 2011, iniziativa che è stata rilanciata ieri con una petizione on line. Siamo riusciti a formare con il PPD e la Lega una maggioranza per contenere l’aumento dei sussidi di CM portando i limiti di reddito determinante che danno diritto all’ottenimento dell’aiuto del Cantone in conformità alla LC Lamal da 20’000.- a 22’000.- per le persone sole, da 32’000.- a 34’000.- per le famiglie, da 50’000.- a 55’000.- per il reddito di riferimento di cui all’art. 32 cpv. 2 LC Lamal e da 60’000.- a 65’000.- per il terzo e successivo figlio. Dal profilo finanziario la modifica, siccome interessa circa 5’500 assicurati, dovrebbe comportare un costo supplementare per il Cantone di circa 1’400’000.- nel 2010 e nel 2011. La proposta socialista comporterebbe invece un costo di oltre 9 mio. per il 2010, he riteniamo eccessivo al alluce della precaria situazione finanziaria del Cantone.  Sosteniamo inoltre la necessità di un correttivo da apportare all’attuale sistema di valutazione del diritto al sussidio, nel senso di introdurre all’art. 31 LC Lamal anche la nascita di un figlio quale motivo per una verifica del diritto, facendo astrazione dal reddito imponibile fiscalmente. In tal caso si procederà dunque all’esame della nuova situazione economica della famiglia che dovesse rientrare nei parametri di cui all’art. 29 LC Lamal.

Comunque per noi è chiaro che non si può agire unicamente sulla leva della spesa pubblica per mitigare gli effetti della crisi. Anzi, la spesa pubblica deve rimanere anzi sotto controllo. Occorre piuttosto considerare anche il fronte delle entrate, p.es. insistendo sulla necessità di un’amnistia fiscale federale ed esaminando anche quelle ipotesi di sgravi fiscali che sono sostenibili e mirati e permettono di rilanciare la competitività del sistema-Paese. Un’amnistia fiscale federale contribuirebbe all’emersione di un volume verosimilmente importante di capitali che potrebbero così essere immessi nel circuito economico del Paese. Ma siccome nonostante le diverse sollecitazioni a tal proposito, il Consiglio federale e le Camere sembrano ben poco propensi a muoversi in questa direzione (in virtù di una rigida visione d’impronta calvinista del concetto di onestà del contribuente), allora al Ticino non resta altra possibilità se non quella di prendere seriamente in considerazione un’amnistia fiscale cantonale, verificandone la compatibilità giuridica con i limiti stabiliti dalla Legge federale sull’armonizzazione delle imposte dirette dei Cantoni e dei Comuni. Sono convinto che i margini giuridici per una simile iniziativa a livello ticinese siano dati; del resto lo stesso Consigliere federale Merz di fronte all’amnistia fiscale cantonale promossa dal Canton Giura ha riconosciuto pubblicamente il buon diritto di quel Cantone a procedere in tal senso. D’altra parte molti Cantoni negli scorsi anni hanno alleviato la pressione fiscale sui dividendi societari in verosimile contrasto con la LAID e nessuno ha avuto qualcosa da ridire. Il Canton Vallese ha abbandonato gli interessi di mora e ha introdotto agevolazioni fiscali per gli eredi. Non vedo proprio perché solo noi -che siamo oltretutto il Cantone che pagherà di gran lunga il prezzo più caro dello scudo-ter di Tremonti-  dovremmo farci eccessive ambasce a varare un’amnistia cantonale. Il modello potrebbe essere quello previsto dalla riforma che entrerà in vigore a livello federale e cantonale con il 1.1.2010 e che concerne la semplificazione del recupero d’imposta in caso di successione: gli eredi che procederanno alla denuncia spontanea di capitali sottratti al fisco dal de cujus non dovranno più pagare la multa e inoltre il recupero delle imposte sul reddito e la sostanza sottratte non si estenderà più ai dieci anni precedenti, bensì solo ai tre anni precedenti. Ecco allora che con un’amnistia fiscale cantonale avremmo la possibilità di riservare analogo trattamento anche a chi decide di denunciare al fisco capitali in nero, al di fuori di un caso di successione, evitando quindi oltre alla multa anche il recupero per i dieci anni precedenti, limitandolo a soli tre anni. A seconda della situazione personale e delle aliquote d’imposta applicate al singolo contribuente che decidesse di regolarizzare la sua situazione, una simile soluzione di condono potrebbe rivelarsi molto vantaggiosa. Ma il vantaggio lo avrebbero anche lo Stato, con un incremento verosimilmente notevole di gettito assicurato negli anni, e la stessa economia cantonale che sarebbe così messa in condizione di contrastare la tendenza al peggioramento della disoccupazione nei prossimi anni.

Accennavo prima alle questioni tuttora irrisolte della fiscalità ticinese. Una di queste, forse la più problematica da un profilo di competitività fiscale è e resta quella dell’eccessiva imposizione delle fasce di reddito elevato delle persone fisiche, sia di quelle sole sia di quelle coniugate. Permettetemi di richiamare qui brevemente il quadro generale del prelievo fiscale ticinese, sulla base dello studio commissionato al Centro di competenza fiscale della SUPSI, tanto per capire di che cosa stiamo parlando. L’applicazione  combinata del principio della progressività della scala delle aliquote e del principio delle deduzioni produce questi effetti in Ticino:

circa 42’000 contribuenti -pari al 23% del totale- non paga un solo franco d’imposta in quanto esenti;

–  per i redditi lordi sino a 70’000.- la pressione fiscale risulta molto attenuata rispetto alla media svizzera: per le persone sole ci troviamo all’8. rango, con un onere fiscale cantonale e comunale del 10,67% contro una media CH dell’11,72%, mentre per i coniugati senza figli addirittura al 2. posto con un onere cantonale e comunale del 4,75% contro una media CH del 7,29%  e pure al secondo posto per i coniugati con 2 figli, con un onere cantonale  e comunale dell’1,34% contro una media CH del 4,16%;

- per i redditi lordi della fascia medio-alta, pari a 150’000.- la pressione fiscale si posiziona al 13. rango nella graduatoria intercantonale per le persone sole, con un onere fiscale cantonale e comunale del 16,66% nei confronti di una media svizzera del 16,43% e invece all’11. rango per i coniugati senza figli con un onere fiscale cantonale e comunale del 12,92% e una media svizzera del 12,94% e al 6. rango per i coniugati con due figli, con un onere fiscale cantonale e comunale del 9,24% e una media svizzera del 10,89%;

- la classifica peggiora per la fascia alta: per un reddito lordo di 500’000.- siamo al 17. rango per le persone sole con un onere fiscale cantonale e comunale del 22,66% contro una media svizzera del 20,38%, stesso rango per i coniugati senza figli con un onere fiscale cantonale e comunale del 21,71% contro il 19,30% della media nazionale e pure stesso rango per i coniugati con figli, con un onere fiscale cantonale  e comunale pari al 20,43 contro una media nazionale del 18,60% ;

- se infine prendiamo i redditi lordi molto elevati, di 1 mio., il nostro Cantone scende in classifica al 20. rango per le persone sole, con un onere fiscale cantonale e comunale del 24,69% contro una media svizzera del 21,12%, pure al 20. rango per i coniugati senza figli, con un onere fiscale cantonale e comunale del 23,54% contro una media svizzera del 20,62% e al 19. rango per i coniugati con due figli, con un onere fiscale cantonale e comunale del 22,89% contro una media svizzera del 20,31% .

Dunque possiamo affermare tranquillamente che la progressività delle aliquote d’imposta nella fiscalità ticinese è accentuata per i redditi elevati e molto elevati e consente una notevole ridistribuzione dei redditi. E’ un’opzione a favore di una fiscalità sociale, molto sociale direi, che ha senz’altro i suoi buoni motivi in un’ottica di giustizia tributaria. Un prelievo fiscale minimo per le fasce medio-basse, un prelievo di regola poco inferiore alla media svizzera per le fasce medio-alte, un prelievo invece superiore alla media per le fasce alte e notevolmente superiore alla media per i redditi molto elevati, con un’aliquota media massima del 15% ai fini dell’imposta cantonale. A ciò si aggiunga che nel confronto intercantonale con riferimento alla media svizzera, le deduzioni concesse dal Cantone Ticino sono di regola il doppio, e la deduzione per coniugi che esercitano entrambi un’attività lucrativa anche il triplo di quelle concesse dagli altri Cantoni.

Per l’imposizione della sostanza valgono considerazioni analoghe, anche se qui la progressione è molto più contenuta. Siamo come Catone al primo rango nella classifica intercantonale per l’imposizione della sostanza fino ai 200’000.- (nel senso che la imponiamo meno degli altri Cantoni), siamo circa a metà classifica per la sostanza di 500’000.- e siamo invece tra i Cantoni più onerosi per sostanze superiori ai 10 mio.

Ora è evidente che in un contesto di concorrenza fiscale intercantonale le persone fisiche molto facoltose possono essere indotte a lasciare il nostro Cantone o a non eleggerlo a proprio domicilio per cercare invece trattamenti fiscali più vantaggiosi in altri Cantoni. Se il fenomeno assumesse certe proporzioni potrebbe avere effetti devastanti sul nostro gettito. Come rileva lo studio della SUPSI, le persone che beneficiano di redditi così importanti e possiedono sostanze rilevanti sono le stesse che godono di una grande mobilità e si spostano frequentemente tra le loro abitazioni dove risiedono in periodi diversi dell’anno e trascorrono molto del loro tempo viaggiando, per cui diventa anche difficile stabilire con i criteri del Codice civile quale sia il loro domicilio, in quanto centro dei loro interessi. Non dobbiamo dimenticare che circa il 2% dei contribuenti (quelli appunto con redditi imponibili superiori ai 200’000) paga il 27% delle imposte sul reddito e circa il 3% (quelli con sostanze imponibili superiori a 1 mio.) paga il 73% delle imposte sulla sostanza. Non è quindi fuori luogo ritenere che qualora dovesse permanere il maggior onere fiscale del nostro Catone nel confronto intercantonale una parte di questi contribuenti potrebbe trasferire il domicilio in altri Cantoni, senza con ciò modificare il proprio stile di vita e senza ridurre il periodo di permanenza nel Ticino. Facciamo un esempio: il gettito dell’imposta sul reddito delle persone dell’anno di competenze 2006 ammontava a 632 mio..Il 2% dei contribuenti –quelli della fascia più facoltosa- ha versato circa 170 mio: se anche solo lo 0,5% di loro (ossia circa 1000 contribuenti) decidesse di abbandonare il Ticino a favore di altri Cantoni molto meno cari verrebbero a mancare circa 40 mio. di gettito. E’ quindi indispensabile a mio giudizio che il DFE approfondisca la proposta formulata dal Centro di competenze fiscali della SUPSI in relazione all’ipotesi di un’attenuazione dell’attuale aliquota massima d’imposta sul reddito –che ammonta al 15,076%- lasciando inalterata la scala delle aliquote e l’importo delle deduzioni per tutti i contribuenti imposti con aliquote medie inferiori. L’idea che sta alla base della proposta è quella di fare in modo che complessivamente l’aliquota applicabile agli alti redditi per l’imposta cantonale comunale e federale non superi il 33,5% ossia la percentuale media svizzera. Di conseguenza, siccome l’aliquota massima dell’imposta federale diretta è pari all’11,5%, l’aliquota massima dell’imposta cantonale e comunale non dovrebbe superare il 22%, considerato un moltiplicatore comunale del 100%. L’attenuazione dell’aliquota massima sarebbe dunque limitata alle fasce di reddito già oggi imposti con aliquota media uguale o superiore all’11%, il che permetterebbe di circoscrivere la perdita di gettito cantonale a circa una ventina di mio. all’anno, che si ridurrebbe ad una sola decina nel caso di un’attenuazione dell’aliquota massima al 12% anziché all’11%.

Un motivo in più per prendere seriamente in considerazione questa ipotesi di lavoro è dato dalla recente decisione del CF di recepire gli standard dell’OCSE nelle Convenzioni internazionali sottoscritte dalla Confederazione in materia di assistenza amministrativa in materia fiscale, impegnandosi a garantire lo scambio di informazioni nei confronti delle autorità estere nel caso di delitti e contravvenzioni fiscali, così come per l’accertamento del  reddito di cittadini non residenti in CH. Per i cittadini invece residenti nel Paese il governo ha assicurato che la prassi delle autorità fiscali non subirà alcun mutamento e quindi non sarà data loro facoltà di accedere ai dati protetti dal segreto bancario. Il fatto quindi che un cittadino residente in CH risulti oggi significativamente più protetto di un non residente rende di per sé attrattivo anche il nostro Cantone, ma solo a condizione che il suo prelievo fiscale per redditi più elevati non risulti penalizzante rispetto alla media svizzera.

Come partito sempre attento ad una politica fiscale incentivante e finanziariamente sostenibile chiediamo e confidiamo che l’ipotesi formulata nello studio della SUPSI venga adeguatamente considerata e approfondita. E alla stessa stregua, sempre nell’ottica di mantenere sul nostro territorio cantonale contribuenti facoltosi stranieri non domiciliati senza più un’attività lucrativa al benefico di un’imposizione globale secondo il loro dispendio (i cosiddetti globalisti) suggeriamo anche di studiare l’ipotesi di un’attenuazione della soglia minima di dispendio per poter beneficiare di questo trattamento fiscale privilegiato.

Giovanni Merlini

Servono politiche davvero liberali

Posted by Admin in Cultura - (Commenti disabilitati)

08.06.2009

In barba alla recessione internazionale, le elezioni europee hanno premiato il centro-destra. Chi sperava che la presunta crisi “sistemica” del capitalismo e del libero mercato determinasse un’avanzata della sinistra è rimasto a bocca asciutta. Tra le spiegazioni plausibili fornite dagli osservatori fa capolino l’incapacità della sinistra di rassicurare l’elettorato con proposte concrete e chiare. Ma c’è verosimilmente anche dell’altro. C’è la convinzione che politiche liberali moderate e pragmatiche riescano a favorire meglio e più velocemente la capacità dell’economia di superare gradualmente la crisi della domanda e la stretta creditizia, e a garantire il rilancio dell’occupazione. In larghe fasce della popolazione è diffusa la consapevolezza che il tracollo dei mercati finanziari internazionali e la successiva crisi economica sono il frutto del tradimento o dell’abbandono delle principali virtù e degli insegnamenti basilari del liberalismo politico, in particolare del suo modello renano. E chiedono, a buona ragione, che i governi europei moderati si adoperino per recuperare quel modello, valorizzandolo, in modo da accelerare il superamento della grave emergenza in cui si dibattono gli Stati e i loro cittadini. Negli scorsi decenni la moderazione, il senso della misura, l’equilibrio e la considerazione dell’interesse generale sono stati purtroppo accantonati a causa del prevalere della cupidigia, della smania dei guadagni sproporzionati, dell’ottica del breve termine e della spregiudicatezza nella gestione dei rischi. L’ingegneria finanziaria ha così assecondato la rincorsa frastornante alla facile presa di profitti, favorendo la sciagurata illusione che fosse possibile creare senza sosta plusvalore virtuale ad libitum. Un’illusione alimentata anche da politiche monetarie troppo espansive che hanno ridotto eccessivamente i tassi di riferimento, propiziando un colossale indebitamento collettivo, in particolare negli USA. L’economia reale, il lavoro, la vera impresa devono dunque tornare al centro dell’attenzione politica. Deve tornare in auge il vincolo, tipicamente liberale, della responsabilità per il proprio agire perché la libertà impegna (Freiheit verpflichtet) ed il conseguente principio secondo cui chi sbaglia paga. La razionalità deve tornare a prevalere sulle passioni e sulla fragilità delle ambizioni smodate. L’aleatorietà e l’inconsistenza del “tutto e subito”, del “mordi e fuggi” e dell’improvvisazione devono lasciare il posto al valore dell’impegno perdurante, dello sviluppo sostenibile e ragionevole che guarda al lungo termine. Deve tornare di moda la volontà di costruire su fondamenta solide e non sulla sabbia. La riscoperta della cultura e dell’etica weberiana della convinzione e della responsabilità, a tutti i livelli, ci aiuterà a rendere più breve la traversata del deserto che ci sta ancora davanti. Perché è di questo che abbiamo bisogno e non invece di reazioni scomposte improntate al dirigismo, all’interventismo statale ad oltranza e all’iperregolamentazione. Se è infatti vero che occorre una governance internazionale sui mercati finanziari, è altrettanto vero che in Europa ed in Svizzera, ma anche negli stessi USA, le regole esistono eccome e il settore bancario è disciplinato nei dettagli da norme severe, di cui semmai va verificata più attentamente l’applicazione, impedendo i mastodontici conflitti di interessi di certe agenzie di rating e di revisione. La moralizzazione dei comportamenti di certi manager avventurieri non può essere imposta per decreto legge. Occorre riscoprire una nuova cultura della responsabilità, magari anche attraverso la rilettura dei classici del liberalismo a cominciare da Smith, Ricardo e Stuart Mill.

Se ciò avverrà, potremo almeno dire –a nostra parziale consolazione- che non tutti i mali vengono per nuocere e che la recessione globale è servita perlomeno a farci fare un salto di paradigma.

Giovanni Merlini

INTERVENTO A NOME DEL GRUPPO PLR IN GRAN CONSIGLIO

Posted by Admin in Cultura - (Commenti disabilitati)

03.06.2009

Era stata chiesta prontezza di reazione e prontezza di reazione c’è stata.

Il Gruppo liberale radicale ha apprezzato subito i contenuti del Rapporto del governo del 4 marzo scorso sulle misure a sostegno dell’occupazione e dell’economia per il periodo 2009-2011, che è il frutto del lavoro della task force fortemente voluta dal DECS e dal DFE per dare una risposta adeguata alla recessione, nei limiti e nelle proporzioni di ciò che è possibile fare in un Cantone di  330’000 abitanti. Il CdS ha dunque presentato la sua manovra lo scorso mese di marzo, secondo solo al Canton Neuchâtel, e oggi ci apprestiamo a varare una serie di misure congiunturali e in parte strutturali che ci aiuteranno a contrastare le conseguenze più dolorose di questa crisi, soprattutto a livello occupazionale, dove un occhio di riguardo deve essere rivolto alla lotta alla disoccupazione giovanile.

Già in quel Rapporto del mese di marzo, il CdS annunciava un intervento per un importo lordo di 158 mio. e un volume netto a carico del Cantone di 116 mio.; un intervento articolato su 64 misure, che si sarebbe realizzato in due fasi separate. Il Messaggio n. 6200 del 21 aprile scorso ci sottopone i provvedimenti di competenza parlamentare per 65,7 mio. netti (90,3 lordi) che fanno parte del pacchetto della prima fase. Dopo un periodo di monitoraggio dell’impatto di questo primo pacchetto, il governo valuterà –sulla base dell’evoluzione congiunturale- se e in che misura proporre a questo GC anche il secondo pacchetto di provvedimenti.

Abbiamo sentito anche qualche critica acida sulla manovra di cui oggi discutiamo. Si è sentito dire che il governo non avrebbe mostrato sufficiente coraggio o generosità nell’elaborazione delle misure, la cui portata complessiva si rivelerebbe incongrua alla gravità della situazione. Noi non condividiamo queste critiche perché le riteniamo l’espressione di una visione aberrante delle reali e sostenibili possibilità di intervento di un Cantone come questo. Non mi addentrerò nella controversia un po’ accademica sul potere anticiclico dell’interventismo statale nei periodi di crisi e non scomoderò neppure gli autori odierni più illustri che alimentano sempre ancora l’annosa disputa attorno all’efficacia della teoria keynesiana. Mi limito a richiamare integralmente la prima parte del Rapporto del CdS del 4 marzo che mi pare assai lucida e realista e mi riferisco ai capitoli 1. Situazione economica generale, 2. Gli Stati di fronte all’evoluzione economica e 3. Crisi economica e finanze pubbliche.

Per valutare con un minimo di oggettività la portata può giovare un semplice confronto: il nostro Cantone produce uno sforzo finanziario pari al 4,4% delle sue uscite correnti e pari allo 0,5% del PIL ticinese (considerando l’onere lordo di 158 mio.), mentre la Confederazione ha mobilitato risorse pari allo 0,3% del PIL nazionale, se si tiene conto dell’importo di 1,6 miliardi finora stanziato. In proporzione il nostro Cantone mette a disposizione più risorse della Confederazione, nonostante la precarietà delle sue condizioni di salute finanziaria. Per apprezzare convenientemente la portata della manovra va tenuto ben presente il quadro di riferimento o, se preferite, il contesto finanziario entro il quale si sta muovendo il nostro Cantone. Che è un contesto improntato ancora a notevole fragilità. Intanto continuiamo a confrontarci con un disavanzo strutturale del conto di gestione corrente di ca. 60 mio. e un disavanzo preventivato per il 2009 di circa 78 mio.; oltre a ciò quest’anno gli ammortizzatori sociali sono sollecitati in modo straordinario proprio per effetto della recessione economica e il conto ci verrà presentato in sede di consuntivo 2009.

Il tutto sullo sfondo di un debito pubblico di 1,4 miliardi e di nuovi impegni finanziari che si stanno profilando all’orizzonte, come il risanamento della Cassa pensioni dello Stato, la stangata che subiremo a partire dal 2012 in materia di sussidiamento delle cliniche private (si parla di un’ottantina di mio. all’anno in più) e della riforma della Lord che pure non sarà a costo zero. Di fronte a questo quadro di riferimento, che non è propriamente quello di un Cantone che ha consolidato la sua situazione finanziaria (come il nostro vicino Canton Grigioni) il Consiglio di Stato ha individuato -con ponderazione, senso della misura e una corretta analisi del rapporto costo/benefici- le singole misure che compongono il pacchetto di intervento e che spaziano dal sostegno all’occupazione, ai redditi, all’imprenditorialità (e penso in particolare alla fideiussione cantonale di 10 mio. a favore della linea di credito per complessivi 30 mio. attivata della BS) all’utilizzazione del credito quadro relativo all’ora della BNS anche dopo il 2010 e fino ad esaurimento della dotazione, alla proroga  del contributo per l’alloggio fino al 2011, al potenziamento transitorio degli assegni familiari di complemento, alla promozione del settore turistico e del settore finanziario. Un’importanza particolare va riconosciuta agli interventi nell’ambito della formazione professionale, con il potenziamento degli sforzi a favore del tirocinio, con l’obbiettivo di mantenere la cosiddetta tolleranza zero onde trovare un posto di tirocinio ad ogni apprendista che lo cerca e di favorire la ricerca di un impiego in azienda alla fine dell’apprendistato, nonché la formazione di personale nell’ambito delle energie rinnovabili, della costruzione, del risanamento energetico, come pure nei campi della sanità e della socialità.

Concludo con una sola nota di rammarico, dovuta alla constatazione che la politica non è riuscita neppure in questa occasione ad allearsi contro la crisi. Servirebbe unità e convergenza su obbiettivi prioritari, mentre purtroppo ci ritroviamo con due rapporti a causa unicamente di una ben modesta riduzione dal 9 all’8,5% dell’aliquota dell’imposta sugli utili delle società, una misura opportuna che consente al nostro Cantone di rimanere in media e non in vetta alla classifica della competitività fiscale per le persone giuridiche (evitando solo di perdere la 14. posizione nel confronto intercantonale), quando altri Cantoni si stanno dando da fare per stimolare l’insediamento di nuove attività imprenditoriali sul loro territorio, come p.es. ancora una volta lo stesso Canton Grigioni che ha adottato un’aliquota del 5,5%.

Con queste considerazioni porto l’adesione del mio Gruppo al rapporto di maggioranza, ringraziando i relatori Christian Vitta e Paolo Beltraminelli per la qualità e la rapidità del lavoro da loro svolto.

Giovanni Merlini

02.09.2009

La  decisione adottata venerdì scorso dal Gruppo parlamentare federale del nostro partito sorprende solo in parte. Già all’indomani della conferenza stampa del PLR ticinese, dopo l’invio della lettera con cui si sollecitava il Gruppo a considerare seriamente la candidatura di Fulvio Pelli, si erano avute le prime avvisaglie dell’orientamento prevalente. Le dichiarazioni intempestive della capogruppo Huber e della vicepresidente Moret, l’esternazione della consigliera nazionale Egerszegi e certi editoriali apparsi sulla stampa romanda e svizzero tedesca (NZZ e TA in testa), tutti e quanti accomunati da commenti piuttosto indispettiti nei confronti di questa ipotesi di candidatura, non promettevano nulla di buono. Poi, nel momento della verità, si sono sommati i veti da parte di chi da sempre osteggia Pelli, di chi teme una concorrenza che minaccerebbe le aspirazioni romande e di chi, in buona fede, lo vuole ancora alla testa del partito per portare a compimento la strategia in vista delle elezioni federali del 2011.

In terra ticinese risono subito levati alti lai per le aspettative disattese.

Ma il Ticino politico non dovrebbe versare troppe lacrime di coccodrillo. Tra la gente comune, al di là degli steccati di partito e trasversalmente ai ceti sociali, era ed è tuttora forte il desiderio di vedere il nostro Cantone finalmente di nuovo rappresentato nella stanza dei bottoni, dopo dieci anni, attraverso l’elezione dell’unico parlamentare ticinese con oggettive chances (a livello di voti) di assurgere allo scranno di Consigliere federale. Ma la classe politica non è riuscita a raccogliersi con una sola voce attorno al nome di Pelli. Nonostante l’occasione così importante, è stato dato un penoso spettacolo di divisione e di faziosità. Ad eccezione del vertice socialista (che si è espresso in modo lucido e responsabile) ben tre presidenti di partito non hanno esitato a defilarsi, chi con la pretesa di riconquistare uno dei due seggi che le regole della concordanza attribuiscono al PLR e chi invece approfittando della situazione per consumare l’ennesimo regolamento di conti con attacchi di rara ineleganza. Queste divisioni non sono passate inosservate al nord delle Alpi. E non vi è da meravigliarsi che qualcuno si sia subito premurato di segnalarle pubblicamente per tirare l’acqua al suo mulino. Non si tratta quindi solo dell’insensibilità da parte dei cugini romandi nei confronti delle legittime rivendicazioni della minoranza italofona, bensì pure dell’incapacità di un Cantone come il nostro di riconoscere l’interesse superiore e di agire di conseguenza. Contiamo già poco per la nostra inferiorità numerica, se poi riusciamo a farci gli sgambetti anche in queste occasioni è ben improbabile ottenere il riconoscimento delle nostre ragioni.

C’è chi rimprovera allo stesso interessato (ma quanto veramente ?) di non avere avuto un atteggiamento lineare durante tutta la fase di avvicinamento alla decisone del Gruppo parlamentare e di essere quindi in parte corresponsabile della mancata designazione. Può darsi che le sue dichiarazioni inizialmente categoriche e poi vieppiù possibiliste non siano piaciute molto oltre Gottardo. In realtà, tuttavia, la posizione di Pelli in quanto presidente nazionale di un Partito che deve confermare il suo secondo seggio in governo era ed è tuttora assai delicata. La priorità data alla conduzione del partito è scaturita anche dalla volontà di evitare fastidiosi conflitti di interessi: non si può essere al tempo stesso candidato al Consiglio federale e presidente del partito e membro del gremio di valutazione delle candidature. E non per nulla noi avevamo chiesto  che al Gruppo di preferire la prima opzione.

Anche se i giochi non sono ancora chiusi fino al 16 settembre, è poco probabile che l’elezione possa riservare piacevoli sorprese per il Ticino. Anziché lamentarsi o individuare presunti colpevoli -un esercizio del tutto sterile- dovremmo darci da fare per migliorare la nostra presenza a Berna, nei  consigli di amministrazione delle aziende autonome della Confederazione, negli uffici federali, nelle lobbies, associazioni e fondazioni che contano. Dobbiamo rilanciare l’idea della Casa ticinese a Berna, indicata nel nostro programma di legislatura, una sorta di dépendance del nostro Cantone nella capitale federale dove si possano intessere relazioni e contatti efficaci per promuovere gli interessi della Svizzera italiana. Non è isolandoci e coltivando improbabili e nocive velleità separatiste, ma al contrario accentuando la collaborazione e il dialogo con la Confederazione ed i suoi organi che sapremo guadagnarci maggiore considerazione. Solo se sapremo migliorare l’immagine del nostro Cantone, abbandonando discutibili stili e metodi di far politica all’italiana, potremo sperare di avere successo in occasione di altri futuri avvicendamenti in governo. Avvicendamenti che potrebbero essere non così lontani. Sta solo  a noi volerlo.

Giovanni Merlini